La mia anima

10494818_272312739619824_8856557711581742098_n
Quando sono morta eri al mio capezzale.
Nella solitudine della mia dipartita,
solo tu.
Nera come la notte
col suo indomito vigore.
Indocile e languida
mi scuoti strappi smembri
e bevi.
Poi succhi, spremi e mi spossi.
Sei Luce che divampa,
essenza in cui risorgo
con labbra rosse e lingua di fuoco.
Corri salti balzi e spicchi il volo.
E vomiti parole…
Che diventano volti,
che diventano vite,
che diventano amore.
La scrittura è la tua fonte
da cui sgorghi come seme
librando un piacere che zampilla e nutre.
E te ne nutri, mai sazia.
Mille volti in uno
che riprendi, ogni volta,
nel tuo grembo gravido.
Non hai genere nè tempo.
Trasudi evapori e poi torni
dai pori dilatati della mia pelle sudata,
a cui appartengo
ma che non mi appartiene.
Perchè io sono in te e tu in me.
La mia anima.

Maddalena Costa


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...