Carnet Erot(i)que, Interviste

Quattro chiacchiere fra il serio e il faceto con la scrittrice Sheila Cabano

11100581_10205834917448510_719535273_n

Abbiamo intervistato Sheila Cabano, scrittrice affermata che, per la prima volta nella sua carriera di autrice, si è cimentata nella stesura di un manoscritto hot. “L’uomo del deserto” è un romanzo ben “condito”, in cui gli ingredienti, copiosi, si amalgamano perfettamente. Il risultato è gradevolissimo, esaltato dalle numerose spruzzatine di pepe che, qua e là, rendono erotica questa avvincente storia d’amore, senza mai scivolare negli stereotipi, tantomeno nel volgare. Continue reading “Quattro chiacchiere fra il serio e il faceto con la scrittrice Sheila Cabano”

Carnet Erot(i)que, Interviste

INTERVISTA A LISA TERZI , AUTRICE DI “ZETA”, INTENSA E CRUENTA RACCOLTA DI ORGASMI

11134282_10205834918408534_1527353805_n

“Zeta”, raccolta di racconti erotici edita da Lettere Animate nella collana Carnet Érot(i)que, è l’opera prima di una giovane pugliese che ha scelto di svelare le proprie fantasie utilizzando lo pseudonimo “Lisa Terzi”. Fin qui nulla di inusuale, considerando la mole di autrici erotiche che, per ovvie ragioni, si avvalgono di un nome fittizio. Le motivazioni di Lisa però, sono legate alla natura delle sue pulsioni e, quindi, dei suoi orgasmi, racchiusi in questa raccolta intensa e cruenta della quale riportiamo uno stralcio tratto dalla sinossi.

Lasciatevi andare mentre passeggiate tra le grida e il sangue, liberi, tra lo schiocco della frusta e le lame dei coltelli, tra l’odore della paura e quello dell’eccitazione. Fate un passo indietro se non vi sentite ancora pronti, perché tra queste pagine troverete solo malvagità, senza filtri. Se invece lo siete, lanciatevi senza pensieri tra tutti gli orgasmi di Lisa, ed è sicuro che ve ne pentirete”

  Continue reading “INTERVISTA A LISA TERZI , AUTRICE DI “ZETA”, INTENSA E CRUENTA RACCOLTA DI ORGASMI”

Interviste

“Fallo Viola”, le confessioni senza veli di Violen Rodriguez

Viola Ricci Ci incontriamo al Jazz Cafè di Fernando. Arriva radiosa in mini short e t-shirt stampata. Raggiante e solare come sempre, mi saluta con un enfatico “Ciao Tesoro!”. Mi è piaciuta da subito. La prima volta che l’ho vista eravamo ad un congresso LGTB. Ho capito dal primo momento quanto fosse speciale. Aveva un’aria distesa e, nonostante non ci conoscessimo, mi sorrise al primo sguardo. I sorrisi sono così rari, in particolare fra sconosciuti. La gente è sempre così diffidente, seria, distaccata, come se avesse intorno un muro invisibile tra sé e il resto del mondo. Lei no.

Parlami di te… Sono nata/o Gianluca. Poi nel corso della mia infanzia ho capito da subito quale fosse il mio orientamento. Continue reading ““Fallo Viola”, le confessioni senza veli di Violen Rodriguez”

Interviste

“Zapatos Rojos”. Rosso come l’amore e come il sangue

images (3)Era una sera di fine Luglio. Passeggiavo con il mio cane.

Il quartiere delle ceramiche di Grottaglie era insolitamente gremito di gente. Mi feci largo fra la folla e mi avvicinai al piccolo triangolo di asfalto che spesso ospita I comizi del movimento cinque stelle.

All’interno c’era un gruppo folto di gente e enormi casse altoparlanti diffondevano nell’aria la voce di un uomo. Non era una manifestazione politica, presentavano un libro. IO SO CARMELA.

Fui subito rapita dall’atmosfera che si respirava in quella notte coperta dalle stelle che qualche ora dopo avrebbero tracciato fili d’oro squarciando il buio per strappare desideri.

Tra la folla donne di tutte le età, vestite di rosso.

Una fra tutte, visibilmente emozionata, aveva lunghi capelli biondi e faccia pulita.

Sembrava uscita da un dipinto di Renoir.

Mi si avvicinò per chiedermi se fossi Maddalena Costa. Ci stringemmo la mano. Continue reading ““Zapatos Rojos”. Rosso come l’amore e come il sangue”

Interviste

Meraviglia e spettinato

download (4)Primo agosto. Sono le tre del pomeriggio. Raggiungo il centro storico  e parcheggio a una cinquantina di metri dalla mia destinazione.

Quando arrivo Francesco ha occupato il tavolo posizionato a ridosso dell’entrata laterale del suo bar e mi aspetta fumandosi una sigaretta.

Ha il solito sorriso rassicurante e la sua voce è cortese e modulata.

Mi siedo di fronte a lui, tiro fuori il registratore e parto spedita:

“Parlami di te.”

“Sono Francesco Petrosino, nato a grottaglie il 7 marzo del 1978. Sono un omosessuale.”

Ha uno sguardo confortante e mi guarda dritto negli occhi.

Continue reading “Meraviglia e spettinato”

Interviste

Gloria Morasca, missione Sensual Guru

vistocco4Gloria Morasca nasce a Palermo da papà ingegnere e mamma “pioniera”, quest’ultima infatti a poco più di vent’anni è già assistente universitaria e, in un contesto sociale come quello palermitano degli anni quaranta, è un ruolo insolito per una donna.
Curiosa e attenta sin da bambina, Gloria cresce in un ambiente sapiente e erudito che fa di lei un adolescente prima e una donna poi, edotta e informata. Maturando, comprende quanto sia difficile affrontare temi come la sessualità e quanto se ne sappia davvero poco. Si batte, sin da subito, affinchè ci si informi leggendo, studiando e parlando con medici o personale esperto. Negli anni settanta gira con un manuale di anatomia scritto da un gruppo di femministe di Boston, sperando di suscitare fra i compagni e le compagne di scuola che fanno i primi timidi passi nell’approccio con l’altro sesso, la voglia di capire e conoscere il proprio corpo. Per una giovane donna come lei con una percezione del mondo che va molto oltre il proprio naso, la conoscenza di una lingua che la leghi ad altre terre e culture è fondamentale; così, finito il liceo, si trasferisce a Londra per imparare l’inglese. Rimane presto orfana di madre e le ricchezze lasciatele in eredità le permettono di viaggiare alla scoperta del mondo, attratta in particolare dall’oriente e dalla sua storia. Oltre i viaggi che arricchiscono il suo bagaglio culturale e personale, Gloria si cimenta in vari ambiti: negli anni novanta lavora come costumista in Rai; è la prima in Italia ad aver aperto un agenzia di B&B; dopo un corso di stilista tenuto a Roma si dà da fare anche all’estero: infatti in India e in Grecia diventa promotrice di un business di abiti e accessori di sua manifattura. Da qualche anno, inoltre, è la “sensual guru”, rappresentante di sex toys, guida e consulente sessuale.

Gloria, benvenuta a “La scriva di Nia”. Nella religione induista il “guru” rappresenta il maestro, la guida. Tu ti definisci “sensual guru”. Potresti spiegare il tuo ruolo di guida nella sessualità?

Continue reading “Gloria Morasca, missione Sensual Guru”

Interviste

Famiglie facili

552867_10200490842266945_123215251_n (1)Mi riportava a casa, era buio e l’aria che filtrava attraverso i finestrini socchiusi aveva l’odore tipico delle notti d’estate.

Dopo il mare, scendevo al paese con l’autobus regionale e a tarda sera rientravo con “Davide”, che si tratteneva in ufficio per sbrigare le sue pratiche.
Lui e mio padre erano ottimi amici e le nostre famiglie molto legate. Non ricordo estati senza la loro chiassosa e divertente compagnia. Quell’anno trascorrevano con noi le ferie nella villa al mare dei miei nonni paterni.
Rientrare con Davide mi piaceva molto. I quaranta minuti di tragitto trascorrevano velocemente. Con lui potevo parlare di tutto senza paura di essere giudicata.
Quella notte accadde ciò che cambiò per sempre il nostro rapporto:
facemmo l’amore.

Continue reading “Famiglie facili”

Interviste, Introspezioni

Tu mi hai sorriso, non conoscendomi

donna“Ciao Maddalena, è tanto che volevo scriverti ma mi mancava il coraggio. Ti ho vista ieri sera sul viale, vicino ai giochini dei bambini. Eri con tuo marito e il tuo cane. Ti sono passata vicino, ti guardavo e tu mi hai sorriso, pur non conoscendomi. E finalmente ho deciso. Eccomi qui! Ho diciassette anni, sono nata e vivo a Grottaglie. Sono una ragazza molto emancipata e ho le mie idee sui ragazzi e sul sesso. Mi piacerebbe fare un intervista, credo di avere cose interessanti da raccontare. Spero che mi contatterai presto. Baci.”
Leggo il messaggio distrattamente. Sembra uno dei tanti giunti tramite la posta privata di facebook. Molti mi scrivono solo per soddisfare una buona dose di esibizionismo. Altri invece per curiosità; e sondano, indagano, esplorano, interrogano, senza rispetto. Perdendo il loro tempo nel mio, ingiustamente.
Poi penso…
Una Grottagliese. Già questo è singolare: di solito chi mi scrive vive lontano dal mio paese.
Però è una minorenne. Dovrei lasciar perdere.
Poi rileggo il messaggio.
“…tu mi hai sorriso, pur non conoscendomi…”

Continue reading “Tu mi hai sorriso, non conoscendomi”