Introspezioni, Intrusioni Private, Intrusioni Pubbliche

L’innocenza del peccato… di scrivere erotico

images.pngVi siete mai domandati quanto sia difficile essere un’autrice di romanzi erotici nell’era dei social e dei cloni mediatici con identità fasulle? L’ultima che ho letto, e che mi ha fatto incavolare per davvero, è quella di un tizio che scrive a una collega di non essere sufficientemente porcellina (il vezzeggiativo è d’uopo), per scrivere erotici. Continue reading “L’innocenza del peccato… di scrivere erotico”

Introspezioni, Intrusioni Private

Dovere d’amare

 1258023880_3328173844_b63b0edba6

Il sole le illumina il viso e l’ombra  che si nasconde fra le pieghe della pelle che le solcano il volto, inspessito dal tempo e dal vento preso come sberle nei campi l’inverno, racconta la sua storia indugiando sugli angoli della bocca.

Ha un espressione ostinata e labbra strette, poco meno di sessant’anni ma ne porta molti di più. E li sorregge come un pesante fardello che grava occhi, corpo e anima.

Anna.

Mani nelle mani, le unghia rotte, i polpastrelli anneriti, i calli sul palmo.

Anna.

Il suo nome si pronuncia in un soffio, ma la sua vita è affanno.

La guardo muta. E aspetto. Continue reading “Dovere d’amare”

eXtrogeNia, Intrusioni Private

Ciak si gira: Orgasmo, buona la prima

downloadLingua batte dove dente duole. Mai proverbio fu meno appropriato. Sì, perché se battesse la lingua non staremmo qui a parlarne. Il fatto è che non me ne faccio una ragione, e mentre nella mia testa ruotano mille domande come se avessi installato un frullatore ad immersione, nell’attesa di avere tutte le risposte…io scrivo. Oggi a piantarmi un chiodo nella capoccia come fosse una sodomia praticata senza preliminari, è il tanto agognato orgasmo femminile. Mille leggende metropolitane ruotano intorno al famigerato e, mentre noi donzelle ci facciamo vagonate di seghe mentali (in cui abbiamo la laurea ad honorem e medaglia al valore), gli uomini se ne fottono! In tutta questa confusione, preferiamo dare sfoggio alle nostre indiscusse velleità di interpreti da premio Oscar piuttosto che sconfessare i nostri morosi, convinti di essere portatori di piacere solo perchè raggiungono cento trivellate al minuto. Eppure l’Ars Amatoria è nota da secoli! “Solo” duemila anni fa, infatti, nella cultura orientale veniva divulgato il Kama Sutra, un manuale illustrato scritto dal vecchio saggio Vatsyayana. Trentasei capitoli dettagliati con tanto di immagini e istruzioni sull’arte amatoria. Deduco che devono averla letta in pochi dato le tristi statistiche diffuse recentemente da un’Università di Roma. Stando a questi studi recenti infatti, solo tre donne su dieci si riterrebbero sessualmente soddisfatte. Fossi un uomo non ci dormirei la notte al pensiero che la mia donna possa appartenere alla “sfigata fetta”. Invece loro ronfano come angioletti, fregati dalle convulse urla di lei al momento del “Ciak, si gira!”. Se solo i maschietti conoscessero quel “bottoncino”posto sulla parte anteriore superiore della vulva, dove si uniscono le piccole labbra della vagina, sotto una piega della pelle che lo copre. Non sono stata sufficientemente esaustiva? Se volete vi faccio un disegno 😛 . La cosa più drammatica in questo marasma di rapporti che scivolano nell’oblio, è che spesso sono le stesse donne a non conoscere il proprio corpo…

Proprio oggi rileggevo un passo di “La mia vita e i miei amori” di Frank Harris, editore inglese biografo e grande amico di Oscar Wilde.

Introspezioni, Intrusioni Private

Troia inside

Immagine“Poi si lamentano se qualcuno le violenta”

Quella frase mi colpì come un pugno nello stomaco.
Mi tirai un pizzicotto sull’avanbraccio, perchè quel dolore lancinante mi distraesse dalla voglia improvvisa di far volare in aria le posate. Le avrei lanciate una ad una. Prima il cucchiaio, poi la forchetta e per ultimo il coltello, senza trascurare bicchiere e bottiglia.
Ero a pranzo dalla cugina di una mia amica. In TV trasmettevano uno di quei reality pomeridiani affollati da belle donne bardate in succinte vesti. Si parlava di indumenti e della presunta sconvenienza di certi abbigliamenti. Poi si scivolò pericolosamente nel più insidioso degli argomenti: la violenza sulle donne. Continue reading “Troia inside”